Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 175

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/libraries/cms/application/site.php on line 272

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 175

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/libraries/cms/application/site.php on line 272

AmigaOS History

logoAmigaOS è il sistema operativo realizzato da Amiga a corredo dei suoi storici e apprezzati personal computer.

Il suo sviluppo inizia nel 1983 per supportare “Lorraine”, il primo computer dell’allora Hi-Toro (successivamente Amiga), grazie alla dedizione di Joy Miner, Dale Luck, R. J. Mical, Carl Sassenrath ed un gruppo ristretto di sviluppatori che lavorano su un simulatore in funzione su una workstation Sun.

Il sistema operativo è basato su un microkernel multitasking preemptive a 32bit chiamato Exec e già dalle prime versioni alpha si presenta con una interessante interfaccia grafica. Nel 1984, in seguito all’acquisizione di Amiga Corporation da parte di Commodore, il futuro AmigaOS subisce una trasformazione, dovuta al fatto che la società di Tramiel decide di affidare alla MetaComCo la realizzazione del modulo AmigaDOS a partire da TripOS (TRIvial Portable Operating System), sistema operativo sviluppato presso la Cambridge University.

Così AmigaOS si struttura su 4 componenti fondamentali:

    • Kickstart, il firmware di bootstrap del sistema, caricato in ROM e contenente al parte del CORE del sistema operativo, come il kernel Exec;
    • AmigaDOS, per l’interazione con l’hardware;
    • Intuition, il Windows System Manager;
    • Workbench, la GUI standard fornita con gli Amiga.

Tipicamente gli utenti Amiga si riferiscono all’intero OS con il solo “Workbench”.

Nel 1985 arriva la prima versione ufficiale a bordo del nuovo Amiga 1000. Il sistema stupisce, in particolare, per l’efficienza della propria interfaccia grafica, affiancata, comunque, dall’AmigaShell con la quale è possibile effettuare ogni tipo di operazione anche da riga di comando.

Il più grande limite (esistente dalla prima versione fino a quella attuale) è l’assenza della protezione di accesso della memoria da parte dei processi in esecuzione, richiedendo particolare attenzione nello sviluppo delle applicazioni al fine di non compromettere il “proprio spazio” e non mandare in crash l’interno sistema. Il problema persiste ancora oggi nonostante dalla versione 4.0 sia stato introdotto il nuovo kernel ExecGS che implementate funzionalità avanzate di gestione della memoria.

aroskitty logo morphos logoL'entusiasmo che negli anni si crea attorno ad AmigaOS porta, nei momenti di difficoltà ed incertezza per le sorti dell'OS, alla nascita AROS e MorphOS, cloni decisamente maturi ed in grado di spingersi oltre AmigaOS stesso.