Menu

AmigaOS 1.x

AmigaOS 1.0 viene rilasciato ad Ottobre 1985, dopo una lunga ed estenuante attesa, a corredo dell’Amiga 1000. Questa prima versione si basa sul Kernel Exec e contempla l’AmigaDOS basato sul porting di TRIPOS realizzato da MetaComCo e scritto in BPCL.

amigaos 10

AmigaOS 1.0

Ufficialmente sono supportati due file system: l’Amiga FileSystem (successivamente Old FileSystem – OFS), il primo sviluppato e utilizzabile solo per il boot da floppy, e il FastFileSystem (FFS), utilizzato per le operazioni con i dischi rigidi.

AmigaOS 1.0 è decisamente convincete, ma come tutte le prime release, soffre di peccati di giovinezza, tanto che nel giro di due mesi (dicembre 1985) Amiga rilascia la versione 1.1. 

amigaos 11

AmigaOS 1.1 

Finalmente viene introdotto il supporto allo standard PAL (oltre che quello NTSC), mentre i file si arricchiscono delle informazioni sulla versione. Come la precedente release, nel sistema è incluso l’interprete BASIC “ABasiC”, mentre del tutto nuovo è il tutorial realizzato da Mindscape.

Il lavoro di sviluppo continua incessantemente e tra il 1986 ed il 1987 viene rilasciata la versione 1.2 (insieme all’Amiga 500, 2000 e i diversi aggiornamenti hardware) che migliora ulteriormente la connessione ai monitor identificando automaticamente la frequenza di funzionamento (PAL: 50Hz, NTSC: 60Hz) e adattando di conseguenza il Workbench.

amigaos 12

AmigaOS 1.2 

Gli ingegneri Amiga lavorano molto sulla stabilità dell’intero sistema, soprattutto nella gestione delle nuove espansioni hardware e dei relativi driver. Interessante l’introduzione del RAM Disk, ovvero la possibilità di utilizzare parte della RAM come disco virtuale super-veloce per operazioni temporanee di storage. Dal punto di vista grafico è possibile scegliere diversi set di icone e sfruttare il GraphicDump per catturare degli screenshot istantanei. Esteso, inoltre, il supporto ai caratteri internazionali (Setmap).

Ciò che la versione 1.2 non porta a compimento è il sistema di AutoConfig che viene ultimato nel 1988 con il fix 1.3. Con questa minor release compaiono altri strumenti di automatizzazione: da Memory Autoconfig all’Autoboot da disco rigido.

Anche la GUI viene leggermente rinnovata, acquisendo un aspetto tendente al 3D.

amigaos 13

 AmigaOS 1.3 

La versione 1.3 è, a sua volta, interessata da alcuni fix, più o meno significativi, che vengono racchiusi tra la release 1.3.1 a 1.3.4.

In particolare, AmigaOS 1.3.2 (1989) migliora ulteriormente la stabilità del sistema e aggiorna il file system FFS in modo da supportare dischi fino a 2.5GB (il precedente limite era di 308MB). Interessante il supporto, finalmente valido, delle stampanti multi pass (con un solo tamburo per tutte le cartucce), così come il fix a numerosi comandi: Setpatch, LoadWB, Format, NoFastMem, FastMemFirst e CMD.

amigaos 132

AmigaOS 1.3.2 

Tra le varie versioni minori si segnala, infine, la versione 1.3 A2024, in cui il Kickstart e il Workbench vengono modificati per supportare il monitor ad alta risoluzione A2024 prodotto da Commodore.

amigaos 2024

 AmigaOS 1.3 A2024

a2024

A2024