Menu

Arriva Linux 1.0 e nasce GNU/Linux

Il 14 marzo 1994, il 16° livello di patch del kernel 0.99 diventa Linux 1.0 e viene presentato ufficialmente presso l’Università di Helsinki, anche se, nel frattempo, il suo utilizzo è già iniziato grazie all’integrazione con il progetto GNU. Inizialmente viene supportata solo l’architettura i386, mentre con la versione 1.2 (7 marzo 1995) arriva il supporto per i sistemi basati su architetture Alpha, SPARC, e MIPS.

image4Come più volte evidenziato, infatti, Linux è il Kernel del sistema operativo GNU/Linux. La domanda a questo punto è lecita: quando è nato, quindi, realmente quello che oggi chiamiamo sistema operativo Linux e che più correttamente va chiamato sistema operativo GNU/Linux?

Facciamo un altro passo indietro evidenziando come il Progetto GNU (GNU is Not Unix) nasce ben prima di Linux, nel lontano 1984, sulla base di una specifica filosofia “aperta” descritta nello GNU Manifesto in cui viene stabilito l'obiettivo di sviluppare un sistema libero simile a Unix e chiamato GNU. Ad annunciare il progetto è Richard Stallman del MIT.

image5

Richard Stallman

Negli anni seguenti vengono realizzati diversi componenti portanti dello stesso: dal compilatore, alla shell, fin anche all’editor di testo. Il problema è che agli inizi degli anni ’90 il Kernel è ancora incompleto e inaffidabile: il previsto GNU Hurd, basato su Mach (sviluppato presso la Carnegie Mellon University) è estremamente complicato, tanto che la prima versione stabile sarà rilasciata solo nel 2001.

In questo scenario, la decisione di Torvalds di rilasciare Linux come software libero è una boccata di ossigeno, consentendo di risolvere il problema e rendere disponibile un vero sistema libero e completo, nato dall’unione di GNU e Linux: il sistema GNU/Linux appunto.

L’integrazione non è delle più semplici, tanto che diverse parti di GNU (come ad esempio la libreria GNU C) vengono modificate per funzionare con Linux, così come molte risorse vengono spese per rendere il sistema “pronto all’uso”, soprattutto perché questioni come l’installazione e la gestione del boot non erano ancora state affrontate.

image6

Con la disponibilità pubblica arriva anche il logo ufficiale di Linux, il Pinguino TUX disegnato nel 1996 da Larry Ewing. Se il soggetto è una scelta diretta di Torvalds, sulle origini del nome ci sono pareri contrastanti: il più accreditato è che si tratti di un’abbreviazione di Torvalds UniX, mentre altre fonti sostengono si tratti dell’abbreviazione di TUXedo, che in inglese significa “giacca e cravatta”, con riferimento alla colorazione del corpo del pinguino.

Sin dalle prime versioni, il sistema GNU/Linux viene fornito “pronto all’uso” tramite molteplici distribuzioni (o distro), realizzate da differenti produttori che lo personalizzano scegliendo i componenti specifici, il software applicativo e, in diversi casi, aggiungendo anche software proprietario. Ovviamente è sempre possibile installare i diversi pacchetti disponibili grazie ai cosiddetti Package Management System (PMS) o compilando direttamente i sorgenti.

Vale la pena citare che una delle primissime distribuzioni Linux è stata Softlanding Linux System, forse non la prima in assoluto ma sicuramente quella che ha catturato il maggior numero di utenti e che oggi è considerata di ispirazione alla veterana Slackware, nata nel 1993 e mantenuta tutt’ora dal suo creatore Patrick Volkerding.

image7

Softlanding Linux System