Menu

Debian

debian_logo

Debian GNU/Linux  è una distribuzione storica che vanta la collaborazione di volontari da ogni parte del mondo, riuniti sotto quello che comunemente viene indicato come Debian Project.

Il progetto Debian è stato fondato da Ian Murdock: non soddisfatto dalla distribuzione GNU/Linux più diffusa all’epoca (primi anni ’90), la SLS, tenta inizialmente di adattarla alle proprie necessità, ma decide ben presto di crearne una nuova partendo completamente da zero. Il nome stesso è legato al suo fondatore, infatti deriva dalle prime tre lettere del nome della fidanzata Debra unita al nome proprio, Ian.

Debian è conosciuta per la sua forte aderenza alla filosofie del software libero, le rigide politiche riguardo alla qualità dei pacchetti e alle release, il modo aperto di sviluppare e testare il software e la libertà di scelta concessa all’utente.

Il Progetto Debian si distingue da tutti gli altri per la sua peculiare forma di organizzazione, ispirata a quella di una vera e propria “società democratica”, tanto che il Manifesto che stabilisce le regole interne al progetto è chiamato Costituzione. Un altro importante documento è il Contratto Sociale che esprime l’impegno del progetto in favore del software libero e dei suoi utenti. In questo ecosistema, l’unico ruolo formale è quello di Debian Project Leader, che viene eletto con mandato annuale e rappresenta un po’ il “coordinatore” del progetto stesso, fermo restando che tutte le decisioni più importanti vengono prese a maggioranza dai Debian Developer, cioè i membri ufficiali del progetto (attualmente circa 1000), tramite votazione.

Il Progetto Debian è famoso, nella comunità open source, per la maniacalità con cui ogni singolo pacchetto viene testato, al fine di eliminare, quanto più possibile, ogni malfunzionamento. Questo modo di procedere garantisce un’alta stabilità del sistema ma porta anche a periodi di rilascio molto lunghi, vicino ai 18/24 mesi.

debian_screenshot

Tra gli obiettivi più ambiziosi di Debian vi è quello di creare “il sistema operativo universale”, ovvero una distro in grado di girare non soltato su kernel linux, tant’è che sono stati sviluppati dei port, più o meno ufficiali, GNU Hurd, Solaris, NetBSD, e FreeBSD.