Menu

Ubuntu

ubuntu_logo


Ubuntu è una distro Linux basata su Debian e nata ufficialmente il 20 ottobre 2004.

Il sistema pone grande attenzione alla semplicità d’uso e al supporto hardware, fattore quest’ultimo che spinge i mantainer ad aggiornarla ogni sei mesi. Il desktop environment scelto è GNOME, che permette di rendere l’interfaccia semplice, intuitiva e allo stesso tempo completa e potente.

La distro abbraccia la licenza GPL ed è nata per iniziativa di Mark Shuttleworth, un giovane imprenditore sudafricano, convinto sostenitore del software libero. Il nome Ubuntu deriva da un’antica parola africana che significa “umanità agli altri”, ovvero  “io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti”.

La dotazione standard prevede una impressionante serie di tool: da OpenOffice, a Gimp, passando per il browser Firefox ed il client di posta Evolution, tutti aggiornabili attraverso il sistema automatico APT. Non manca un tool per la visualizzazione dei PDF e la possibilità di accedere ad un repository online con oltre 16.000 programmi liberi. La distribuzione è tradotta in quasi tutte le lingue occidentali (tra cui l’italiano), orientali e africane.

Particolare attenzione è posta nei riguardi dell’usabilità del sistema, in modo da permetterne l’utilizzo a utenti diversamente abili. Per fare ciò sono presenti: temi ad alto contrasto, per persone ipovedenti,  sintetizzatore vocale e lente di ingrandimento virtuale, per persone ipovedenti o non


 ubuntu_screenshot

 

Il 1° luglio 2005 è nata la Fondazione Ubuntu, con un fondo iniziale di 10 milioni di dollari, il cui scopo è lo sviluppo della distribuzione al fianco del sostenitore storico Canonical Ltd. Nello stesso anno Ubuntu è stata scelta come migliore distribuzione alla LinuxWorld Conference and Expo (Esposizione e Conferenza mondiale su Linux), mentre nel 2007 ha vinto l’Infoworld Bossie Award come “miglior sistema operativo open source” e nel 2008 è risultato miglior distribuzione del Readers’ Choice Awards di Linux Journal.