Menu

System 7

system_7_0

System 7, rilasciato nel 1990, è una release di totale rottura con il passato.

Tanto per cominciare la coesistenza Finder/MultiFinder viene eliminato ed il "nuovo" Finder eredita tutte le funzionalità di MultiFinder migliorandole. Inoltre la nuova release del Finder supporta finalmente i colori, sfruttando a pieno i monitor con tali caratteristiche ed introducendo elementi nella GUI con piccoli effetti tridimensionali. La gestione della memoria dispone ora di un indirizzamento a 32bit permettendo così di superare il limite precedente e di introdurre il gestore di Memoria Virtuale che consente di utilizzare spazio libero su HD come memoria per lo switch delle applicazioni.

La funzionalità di networking AppleTalk e quella di condivisione AppleShare sono ora nativamente incluse nell'OS e quindi completamente integrate. Apple, inoltre, prepara System 7 per il mondo multimediale, anche se il debuttante QuickTime è disponibile solo separatamente.

Nella Menu Bar, partendo da sinistra, vengono aggiunti l'Application Menu, che visualizza la lista dei programmi aperti permettendo lo switch tra di loro e l'Help Menu. Il Cestino diventa una vera cartella conservando il proprio contenuto finché non viene selezionato il comando di Empty Trash. Compaiono gli Alias (shortcut in Windows) ed il Drag and Drop per la condivisione di dati tra più applicazioni utente.

La versione originale di System 7 è interessata da un notevole numero di upgrade (minor e middle):

  • System 7.0.1 risolve una serie di bug ed introduce l'edizione "p", dedicata ai computer Performa, la linea home dei prodotti Apple, che presenta una serie di funzionalità per neofiti;
  • System 7.1(p) introduce la cartella Fonts che raggruppa in un unico punto i font di sistema e ne semplifica l'installazione e la disinstallazione. Questa release porta in dote System Enabler un modulo per consentire la compatibilità con i nuovi modelli di computer attraverso uno schema (file) funzionale senza la necessità di rilasciare una versione apposita come accadeva precedentemente.

system_7_1

System 7.1   

  • System 7.1.1, conosciuto anche come System 7 Pro, include in bundle AppleScript, QuickTime e PowerTalk;
  • System 7.1.2 aggiunge per la prima volta il supporto alle CPU PowerPC chip;
  • System 7.1.3 fixed release;
  • System 7.5 integra tutte le funzionalità dell'edizione Performa e presenta un nuovo sistema di help, denominato Apple Guide. Durante la fase di startup è finalmente visualizzata la tanto richiesta progress bar;

system_7_5

System 7.5  

  • System 7.5.1 risolve alcuni problemi della middle release precedente ed aggiunge il Mac OS Logo alla fase di startup;
  • System 7.5.2 è la prima release disponibile in due versioni: una per il primo PCI Power Mac,l'altra per i portatili. Le versioni sono incompatibili tra loro;
  • System 7.5.3(L) incorpora molti bug fix fortemente richiesti dagli utenti ed è la prima release (in edizione "L") disponibile per sistemi Mac Clone. Apple comincia a ravvisare la necessità di una completa riscrittura del proprio OS, soprattutto visto il successo planetario del diretto concorrente Windows 95;
  • System 7.5.3 Revisione 2, 2.1, e 2.2 pongono rimedio ad una serie di problemi ed aggiungono il supporto ai nuovi modelli di calcolatori (non è chiaro, in realtà, perché non sia stato sfruttato il System Enabler);
  • System 7.5.4 viene annunciato ma il suo rilascio viene bloccato all'ultimo minuto per la scoperta di diversi bug gravi;
  • System 7.5.5 aggiorna tutte le release precedenti della serie 7.5.x;
  • Mac OS 7.6 è la prima release a seguire la nuova strategia di Apple di rilasciare un aggiornamento ogni sei mesi, in attesa che il nuovo Rhapsody/Mac OS X venga completato. Inoltre la stessa Apple abbandona commercialmente il nome System NNN per Mac OS NNN. La versione 7.6 viene aggiornata con la 7.6.1.

gomtalk 

system7show1