Menu

La nascita della Suite

L’idea di “Office” in quanto suite aggregata, arriva nel 1989 e si deve più ad un’idea di marketing che ad una necessità tecnica. Suo fautore è Jeff Raikes, ex Software Developer Management di Apple, arrivato in Microsoft come direttore marketing del settore Application. Simonyi, nel ricordare la nascita di Office, si toglie il cappello difronte alla geniale intuizione di Raikes:

“Office was a brilliant marketing idea” [Office fu una brillante idea di marketing], e ricorda che sempre a Raikes si deve il nome del foglio elettronico “Excel”.

Il nuovo pacchetto integrato viene rilasciato nella sua prima versione per Mac e si presenta con PowerPoint, frutto dell’acquisizione di Forethought. Simonyi definisce Office come il “punto di svolta” per Microsoft:

“The turning point was the Mac for Office and for Microsoft it was Windows. For Office the turning point was the Mac, which helped Windows a lot because it re-enforced our belief the visual UI was where it was at.”

[Il punto di svolta fu Office per Mac e per Microsoft fu Windows. Il lavoro su Office rafforzò anche lo sviluppo di Windows e l’idea che la gestione della UI era lì dove doveva essere (ovvero nell’Ambiente/Sistema Operativo e non direttamente nella Suite)]

jeff raikes

Jeff Raikes

Il Mac è decisamente avanti rispetto al PC IBM e contribuisce non poco a sviluppare la user experience di Office, che, a sua volta, influenza lo sviluppo di Windows stesso oltre che, la sua diffusione.

Grazie alla GUI, Word diventa finalmente in grado di visualizzare semplici elementi di formattazione del testo (come il grassetto o corsivo), mentre l’uso del mouse evita all’utente di dover ricordare complesse combinazioni di tasti per accedere alle varie funzioni.

“Quite a few of people from our business went to work on Windows. Our success on the Mac verified Bill’s vision that the GUI is the future. All that remained was to put the GUI on the most efficient and popular and high volume platform, which was the Intel PC. The Intel PC had to grow a little bit, too.”

[Diverse persone del nostro business (Office), passarono a lavorare su Windows. Il nostro successo sul Mac validò la visione di Bill che la GUI era il futuro. Tutto quello che rimaneva da fare era mettere la GUI sulla piattaforma più popolare e con il maggior volume (di vendite), ovvero il PC Intel-Based che, però, doveva ancora aumentare un po’ la propria potenza]

office1 mac

Office 1.0 per Mac

Così, nel 1989, arriva Office 1.0 per Mac che include: Word 4, Excel 2.20 e PowerPoint 2.01. Due anni dopo, nel 1991, viene rilasciato Office 1.5 per Mac con Excel 3.0 e la completa integrazione con System 7.

Ad ottobre del 1990 viene rilasciata quella che ufficiosamente è considerata la prima versione per Windows, Microsoft Office per Windows 1.0, realizzata per Windows 3. Questa versione include: Word 1.1., Excel 2.0 e PowerPoint 2.0, ovviamente tutti per Windows.

Excel2

Excel 2.0 per Windows

Successivamente vengono rilasciati gli upgrade Microsoft Office per Windows 1.5, con Excel 3.0, e Microsoft Office per Windows 1.6 che include Microsoft Mail per PC Networks 2.1

Nel 1992 Microsoft si rivolge prima al mondo Mac rilasciando Office 2.9 per Mac, che incorpora Excel 4 con il pieno supporto al nuovo linguaggio AppleScript, e ad agosto al mondo Windows, rilasciando quella che comunemente è definita la “prima versione” di Microsoft Office per Windows, ovvero la 3.0 pensata per Windows 3.1/3.11. L’etichetta di “prima versione” si deve al fatto che con essa Microsoft comincia ad effettuare l’integrazione dei vari componenti della suite e non venderli semplicemente insieme. La versione 3.0 è commercializzata inizialmente nell’edizione standard contente: Word 2.0, Excel 4.0, PowerPoint 3.0, e Mail 3.0 ed è distribuita su floppy e, per la prima volta per un prodotto Microsoft, su CDROM.

Il 1992 avrebbe dovuto essere anche l'anno di Office per OS/2 ma a causa dell'abbandono di Microsoft dello sviluppo dell'OS, il progetto viene accantonato, tant'è che IBM acquisisce Lotus per dotare il proprio sistema di una suite da ufficio.

Nel 1993 viene rilasciato Office 4.2 per Mac con il pieno supporto a Power Macintosh, anche se gli utenti della Mela lo trovano poco conforme al nuovo sistema. Inoltre Microsoft uniforma il formato dei file prodotti dai vari software agli analoghi della versione Windows. La versione originale è interessata da un minor update, release 4.2.1, con cui si chiude il ciclo di supporto a Mac 68K. Nello stesso anno viene, inoltre, rilasciato Microsoft Office 3 Professional per Windows che include Microsoft Access 1.1.

Nel 1994 Microsoft rilascia Office 4.0 per Windows contenente: Word 6.0, Excel 5.0, PowerPoint 4.0, Mail ed Access. Word raggiunge la versione 6.0 saltando la 3, 4 e 5 per allinearsi al diretto concorrente WordPerfect. Office 4 viene aggiornato prima alla versione 4.2, che uniforma il formato dei file tra l’edizione Windows e quella Mac, ed infine alla 4.3, l’ultima a 16bit e anche l’ultima a supportare Windows 3.xx, Windows NT 3.1 e Windows NT 3.5. Non è del tutto chiaro il mancato supporto delle successive release a NT 3.5 visto che la minor update NT 3.51 è invece stata supportata fino a Office 97.

Office95

Office95

La vera rivoluzione, però, arriva con Office 95 per Windows che accompagna il debutto di Windows 95. La “Office Philosofy” mostra tutto il suo splendore, consegnando agli utenti una serie di applicazioni altamente integrate, facili da utilizzare e con un numero veramente impressionante di funzionalità. Le versioni dei software componenti la suite vengono allineate tutte alla 7.0 e sono tutte a 32bit. Office 95 è rilasciato in due edizioni: Standard con Word 7, Excel 7, PowerPoint 7 e Schedule+ 7 e Professional che include anche Access 7.

A ben tre anni di distanza (1996) viene rilasciato Office 97 per Windows (Office 8.0), che arricchisce le applicazioni con decine di nuove funzionalità e miglioramenti, introducendo il paradigma delle “command bars” per la UI per rendere simili le funzionalità dei menu e delle toolbars. Office 97 include inoltre un correttore grammaticale e sfoggia gli odiati Office Assistant, derivati direttamente da Microsoft Bob.

Il 6 gennaio del 1998 viene rilasciato Microsoft Office 98 Macintosh Edition, che porta in dote, oltre ai componenti classici, Internet Explorer 4 e Outlook Express. Questa versione viene praticamente riscritta per accogliere la richiesta degli utenti di avere un sistema più Mac-like, includendo: installazione drag&drop, autoriparazione delle applicazioni, un piccolo dizionario di cui, invece, è sprovvisto Office 97 per Windows. Si tratta inoltre della prima release a supportare i video QuickTime ed introdurre gli “Assistenti di Office” al pari della versione 97 per Windows.

outlookexpress98 mac

Outlook Express 98 Mac