Menu

NetWare 286/2.x

NetWare 286 arriva sul mercato nel 1986 e implementa una serie di funzionalità ispirate a quelle dei grossi sistemi di rete (Mainframe), ma ancora sconosciute al mondo DOS, principale sistema operativo per la piattaforma Intel. Tra queste troviamo: System Fault Tolerance (SFT), con la caratteristica di Read-After-Write Werification, ovvero la riscrittura immediata dei dati non corrispondenti (Bad Data), Software Raid1 e, opzionalmente, il Transaction Tracking System (TTS) per garantire l’atomicità delle operazioni sui file.

Questa versione si rileva particolarmente difficile da configurare ed amministrare, essendo composta da una miriade di moduli che necessitano di essere linkati tra loro ad ogni modifica. Proprio il linking è estremamente frustrante, vista la necessità di inserire quasi 20 floppy diversi che, tra l’altro,  utilizzano un formato particolare che richiede la pre-esecuzione del tool COMPSURF prima di poter essere letto.

netware2.2

NetWare 2.2

Il file system è il NetWare File System 286 (NWFS 286), in grado di supportare volumi fino a 256Mb, mentre la RAM supportata è di 16Mb, grazie alla modalità protetta degli i286. Da sottolineare che il sistema, di per sé, richiede ben 2Mb per poter essere eseguito.

Dal punto di vista operativo sono supportate due modalità: dedicata e non-dedicata, che si differenziano, rispettivamente, per l’uso esclusivo o non esclusivo del sistema Host. Infatti nel primo caso il DOS viene utilizzato solo come boot-loader di net$os.exe, dopodiché Netware assume il totale controllo del sistema, nel secondo il DOS (3.30  o superiore) e NetWare condividono le risorse del sistema, permettendo di sfruttare il server sia come network file-server che come app-server attraverso uno specifico algoritmo di time-slicing.

Novell implementa un meccanismo particolare per licenziare la prima versione di NetWare 286: oltre al software, viene fornita una scheda ISA con un numero seriale codificato all’interno di una ROM.  Tale numero deve essere lo stesso di quello del software in esecuzione. In realtà già con i successivi upgrade (versioni 2.x) questa soluzione viene abbandonata in favore di quella basata sul più comune controllo del numero seriale stampato sui floppy.