Menu

OS/2 Warp 3.0

IBM presenta OS/2 Warp 3.0 (codename Warp)nel mese di Ottobre del 1994. Il nome "Warp" è al contempo un tributo alla serie televisiva Star Trek(in continuità con i codename Borg – 2.10 e Ferengifor Windows 2.10) e l'indicazione che il nuovo OS di BigBlue è molto più veloce e performante dei suoi predecessori. Infatti le performance sono accettabili anche con “soli” (che per il periodo sono comunque tanti) 4MB di RAM, anche se una quantità maggiore è sicuramente consigliabile.

warp_desk

WPS in Warp 3

Effettivamente OS/2 Warp 3 è un ottimo sistema operativo, tanto che molti utenti continueranno ad usarlo per anni senza gravi limitazioni, e si tratta del più rilevante tentativo di IBM di imporsi nel settore dei Sistemi Operativi per PC, tentando di constare lo strapotere di Microsoft. Obiettivo raggiunto in minima parte, in particolare nel settore bancario ed assicurativo (tipicamente legati ad IBM), con punte del 5%.

La versione rilasciata ad Ottobre è in realtà un OS/2 Warp for Windows che non contiene Win-OS/2 ma si appoggia, per le applicazioni Windows, sull'eventuale ambiente già installato. Sul package è leggibile la scritta: “Enhances your existing DOS and Windows”.

Successivamente IBM rilascia anche la versione "full" con Win-OS/2 dando vita alle cosiddette spin-version,denominazione dovuta al colore predominante del packaging. Si può quindi scegliere tra: Blue Spin ed. e Red Spin ed. La release "Blue" si presenta con la scritta: “Includes DOS and Windows application support” mentre la “Red” è, ovviamente, più economica e trainante per il nuovo OS/2.

Le innovazioni sono molte e praticamente interessano ogni ambito del sistema operativo, ora completamente a 32Bit e non dipendente in alcun modo dal “vecchio” DOS.  Warp 3 introduce un nuovo formato per i file eseguibili più efficiente e con un miglior rapporto di compressione, anche se la totale incompatibilità con le precedenti versioni si OS/2 ne relega l’utilizzo a pochi casi sporadici.

Decisamente migliorato il supporto alle schede video ed alle stampanti grazie al nuovo modello di driver che ne rende, in parte, più semplice lo sviluppo. A tal proposito va evidenziato come la compatibilità con l’hardware sia decisamente migliorata (altrettanto il numero di driver in genere), così come il supporto ad APM ed alle schede PCMCIA. Nuovo anche lo spooler di stampa.

Anche il “lato” multimediale di OS/2 si evolve con il miglioramento dei tool esistenti ed il supporto alle TV Cards, alle schede di cattura video, ecc. La user experience fa un notevole salto in avanti con il rinnovato WPS,che si presenta subito con il nuovissimo LaunchPad (Dock), nella parte inferiore dello schermo, e che permette di sfruttare in modo massivo il drag-and-drop.

mmos2

Multimedia in OS/2 Warp 3

Lato Windows viene aggiornato il supporto alla versione Windows 3.11, sia nella versione stand-alone che in Win-OS/2.

Per la prima volta OS/2 viene accompagnato da un Bonus Pack CDche fornisce tutta una serie di applicazioni, soprattutto in ambito home-office (FaxWorks, VideoIn, IBM Works, ecc.). Ma le funzionalità che si rilevano più attraenti sono quelle legati al nascente mondo di Internet e della comunicazione digitale.

Con lo slogan “Your on-ramp to the information superhighway” (sempre sulla scatola), IBM evidenzia come OS/2 Warp 3 sia in grado di sfruttare le ultime innovazioni della Rete, al contrario di Microsoft che, praticamente, ancora non sa cosa sia. Così nel BonusPack troviamo l’IBM Internet Connection for OS/2, una serie di tool minimali per l’accesso ad FTP, Telnet, e-mail, news, WWW (agli albori), così come il supporto a protocolli oggi estinti come Gopher. In realtà si tratta di una versione decisamente “light” dell’ IBM TCP / IP kit presente in OS/2 1.3.

Nel Maggio del 1995 viene introdotto OS/2 Warp 3 Connect (sempre in edizione Red & Blue) che integra una serie di applicazioni di rete precedentemente disponibili stand-alone: IBM Lan Client, il supporto alle reti Novell NetWare, al TCP/IP, l’Accesso Remoto alla LAN (LAN Distance) e il supporto ad altri protocolli standard di rete.

os2_warp_connect_package

Package Warp 3 connect "Blue Spin"

Grazie all'Internet Access Kit (IAK), Warp 3 si affaccia al mondo di Internet con il browser Web Explorer, le funzionalità di condivisione peer-to-peer ed un client per la posta elettronica denominato Ultimail Lite,lento e difficile da configurare ed utilizzare.

Warp 3 si arricchisce a Dicembre 2005, dopo una lunga attesa, dell'edizione OS/2 Warp 3 Power PC (OS/2 PPC) dedicata alla piattaforma omonima. In realtà questa edizione non verrà mai distribuita tramite i comuni canali di vendita ma sarà rilasciato solo ad una ristretta cerchia di partner IBM in versione OEM.

OS/2 PPC non si rileva un prodotto di successo, supportando numero limitato di hardware: sostanzialmente solo i sistemi della famiglia IBM Personal Power Series (830 e 850) e i Power Series ThinkPad (820 e 850). Inoltre la scarsa chiarezza sul futuro dei sistemi PowerPC, portano il progetto al declino, così come accade per i successori di Windows NT 4 che non supporteranno più tale architettura.

Oltre a incorporare le caratteristiche di Warp 3, l’edizione PPC porta con se anche alcune delle innovazioni in lavorazione per OS/2 Warp 4 come il Feature Installer, tramite il quale è possibile installare tool, giochi e utility del Bonus Pack.

Bisogna sicuramente dar atto ad IBM che, anche girando su un architettura completamente diversa da quella Intel, il supporto per le applicazioni DOS e per quelle Windows (Win-OS/2) è decisamente buono. In particolare l’ambiente di “emulazione” DOS è basato sul PC DOS 7 (a differenza di Warp 3 per Intel basato sul DOS 5), tanto da includere l’editor “E” e il linguaggio REXX per DOS. Anche il lato multimediale è ben fatto ed efficiente, probabilmente superando in diversi punti il corrispettivo dell’edizione Intel.

dos_small

PC DOS 5 in azione all'interno di OS/2 PPC

Ciò in cui questa versione è, invece, assolamene carente è il supporto al Networking che, per dirla brevemente, non esiste. Infatti il tutto si riduce a HyperAccess Lite e  CompuServe Information Manager, utilizzabili tramite modem, nonostante in più parti della documentazione dell’OS si parli di OS/2 Warp PPC Connect, cosa chiarita nel file README che rimanda le estensioni di rete a “future versioni”.

In sostanza OS/2 Warp 3 si rileva assolutamente all’altezza delle aspettative, a differenza del marketing di IBM che non è in grado di valorizzarlo a dovere. BigBlue, infatti, non ha un canale di vendita diretta per il software e, al contrario di quanto fatto da Microsoft per Windows, non riesce a crearlo. Nonostante ciò le software house più importanti sviluppano edizioni OS/2 compliant dei propri prodotti di punta, compresi i primi strumenti di grafica avanzata come ColorWorks che va a colmare un settore completamente scoperto con le versioni 2.x per l’assenza dei driver per le schede video professionali (leggasi Matrox).

 

Warp Server

All'inizio del 1996 IBM rilascia Warp Serverche aggiunge a Warp 3 le funzionalità di rete di IBM LAN Server 4.0. Grazie ad una completa integrazione dei vari servizi, Warp Server è l'ambiente server più efficiente e completo del periodo offrendo una piattaforma integrata per lo sviluppo di server application dotato di sistemi avanzati di Disaster Backup e Recovery, condivisione delle risorse e funzionalità di monitoraggio costate di ogni parte del sistema attraverso SystemView.

Per la prima volta OS/2 viene accompagnato da un Bonus Pack CD che fornisce tutta una serie di applicazioni, soprattutto in ambito home-office (wordprocessor, foglio di calcolo, db, ecc.)

Nel Maggio del 1995 viene introdotto OS/2 Warp Connect (semprein edizione Red & Blue) che aggiunge il supporto al TCP/IP e ad altri protocolli standard di rete. Inoltre grazie all'Internet Access Kit (IAK) Warp si affaccia al mondo di Internet con il broswer Web Explorer, le funzionalità di condivisione peer-to-peer, le funzionalità FTP ed un client per la posta elettronica denominato Ultimail Lite, lento e difficile da configurare ed utilizzare.