Menu

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 175

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/libraries/cms/application/site.php on line 272

Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 175

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically in /web/htdocs/www.storiainformatica.it/home/libraries/cms/application/site.php on line 272

Microsoft BOB

Parallelamente alla GUI di Windows 95, Microsoft lavora a un nuovo concesso di interfaccia utente ed il 31 Marzo del 1995 presenta Microsoft Bob (per Win3.x e Win95).

bob1 

Si tratta di un sostituto alla shell nativa di Windows che contrappone a directory, file e icone il paradigma delle stanze e degli oggetti, frutto di una intensa attività di ricerca su come rendere il PC più semplice da utilizzare ed avvicinare quella fetta di persone (circa il 50% nel 1994/95) che ancora non usano un computer.

Per raggiungere i propri scopi, Microsoft crea un team specifico che basa parte delle proprie attività sugli studi condotti da due ricercatori della Standford University, Clifford Nass e Byron Reeves. Reeves sintetizzò così il proprio lavoro e le indicazioni alla casa di Redmond:

The question for Microsoft was how to make a computing product easier to use and fun. Cliff and I gave a talk in December 1992 and said that they should make it social and natural. We said that people are good at having social relations – talking with each other and interpreting cues such as facial expressions. They are also good at dealing with a natural environment such as the movement of objects and people in rooms, so if an interface can interact with the user to take advantage of these human talents, then you might not need a manual 

Una volta concretizzati questi concetti e realizzati i primi prototipi, Microsoft ottiene addirittura un brevetto (8 luglio 1994) sull’idea che si cela dietro a BOB, ovvero sulle interfacce che plasmano il mondo reale, “real-word”.

In BoB tutte le operazioni sono supportate da assistenti virtuali che aiutano gli utenti nelle loro scelte. Tra questi il cane Rover che si presenta agli utenti con la frase:

"My name is Rover, I come from Redmond, WA, I like to eat table scraps, and, when I'm not here in the Home, I like to spend time in backyard. I'm just one of a scrumptious gang of Personal Guides here to help you find your way in the Home. Give us all a try if you want, or stick with me. The choice is yours!"

Oltre a Rover si può chiedere aiuto a Dot e Will.

bob2 bob4

Rover sempre presente

Ogni aspetto di BoB è altamente personalizzabile: dai colori ai suoni, persino alcuni oggetti possono essere disposti a piacere all'interno delle stanze e con esso vedono la luce anche una serie di applicazioni specifiche: un wordprocessor, un programma di e-mail, un calendario, un’agenda, un sistema di gestione della finanza personale, un sistema per gestire le faccende casalinghe e un quiz sulla geografia denominato Geosafari, una sorta di gioco per mettere alla prova le proprie competenze geografiche.

bob3 bob5

applicazioni incorporate

La tecnologia “BoB” influenza anche altri prodotti, Publisher in primis. Infatti al software di Desktop Publishing di BigM vengono aggiunti i wizard e sulla sua tecnologia viene creato Microsoft Great Greetings, un plug-in per la creazione di biglietti direttamente da BoB.

microsoft_great_greetings

Great Greetings

Nonostante l'idea innovativa ed i piani di sviluppo già approvati per la release 2.0, BoB venne ben presto abbandonato per lo scarso successo ottenuto, meritandosi anche l'infelice etichetta di PC World Magazine quale peggior prodotto del decennio. Anche se, con il senno di poi, multi puristi del software hanno criticato aspramente il prodotto di casa Microsoft, bisogna evidenziare che al momento del lancio, esperti osservatori asserivano di essere di fronte ad un assaggio di quella che sarebbe diventata la GUI del futuro.

Oltre i wizard, presenti praticamente in tutte le applicazioni windows, l’idea ed il codice relativo agli assistenti è stato ripreso dal Team di Office  dando vista agli “Assistenti di Office” incorporati per la prima volta in Office 97 e presenti, in versioni man mano migliorate, fino all’edizione 2003.

figli_di_bob

"Figli di BoB "

In windows XP, inoltre, compare un parente diretto di Rover che supporta gli utenti nella ricerca.

Per completezza va evidenziato che oggi il “concetto” di assistente sta tornando sempre più in voga e riprende, anche se in maniera tecnologicamente diversa, i principi di BoB.

bob_package_1 bob_package_2

Package