Menu

Chrome

Prima Release: 11 dicembre 2008

chrome logoNel 2008 Google sorprende praticamente l’intera comunità web con l’annuncio di Chrome, che, a differenza di quanto fatto con altri servizi, resta in beta per un periodo relativamente breve.

BigG sceglie di sviluppare il proprio browser utilizzando WebKit di Apple (lo stesso alla base di Safari) ad esclusione del motore javascript incluso a cui viene preferito JavaScript V8,sviluppato sempre dalla società di Mountain View. Google sceglie da subito un layout minimale che privilegia lo spazio disponibile per i contenuti e pone particolare attenzione alla sicurezza e all’affidabilità, gestendo ogni singolo TAB come processo separato. In relazione alla protezione dei dati e della privacy non poteva mancare la modalità “privata” definita “Incognito mode”, che consente di navigare senza salvare alcuna informazione relativa.

chrome v1

Chrome 1

Con Chrome 2.0 (metà Maggio 2009), BigG migliora il proprio browser in ogni aspetto, comprese le performance che risultano mogliorate di circa il 30%. Tra le novità più evidenti troviamo, invece, la possibilità di rimuovere siti selettivamente dalla vista “più visitati” (most visited), l’autofill dei campi e la modalità full-screen (F11).

chrome v2

Chrome 2

Il browser di Google non modifica praticamente mai la propria UI, ma migliora costantemente la velocità, e il supporto agli standard web, in particolare ad HTML 5. Così Chrome 3 (12 ottobre 2009) si arricchisce del supporto ai tag audio/video di HTML 5, mentre Chrome 4 (25 gennaio 2010) introduce la Barra per la Traduzione automatica di Google Translate e nuove caratteristiche per la privacy.

chrome v4 translator bar

Chrome 4 e la Traslator Bar

Evitando di menzionare ogni singola release (poiché le modifiche spesso sono relative alla performante a alla sicurezza), con Chrome 7 (21 ottobre 2010), la versione per Mac OS X si arricchisce del supporto ad AppleScript, mentre la versione 9 (3 febbraio 2011) si presenta con il supporto per la tecnologiaWebGL, quello a Chrome Instant, ovvero il corrispettivo di Google Instant per la ricerca istantanea nel motore di ricerca, e quello a Cloud Print per l'accesso a stampanti da un computer in cloud. Con Chrome 9 arriva anche Chrome Web Store che permette di scarica app HTML5/Javascript da eseguire direttamente all’interno del browser.

 

chrome v9 cloudprint

Chrome 9 Cloud Print System

Per l’anteprima di stampa bisogna, invece attendere il rilascio di Chrome 13 (2 agosto 2011) che offre tale funzionalità utilizzando il lettore PDF interno, scelta che permette, inoltre, di stampare un documento direttamente su PDF, creando quindi una copia nel diffusissimo formato ADOBE della pagina visualizzata.

chrome v13 anteprimastampa

Chrome 13 Anteprima di Stampa

Interessante, ma di impatto minore perché richiede una predisposizione delle pagine web tramite un’apposita istruzione, la possibilità di prerendering che permette di caricare in background una pagina differente da quella visualizzata sfruttando la tecnologia che è alla base di Instant pages.

Altre importanti modifiche sono evidenti in Chrome 16 (13 dicembre 2011) dove arriva la sincronizzazione completa dei contenuti con il profilo Google in modo da essere sempre disponibili ogni qual volta si utilizza Chrome anche su computer e dispositivi diversi. In pratica il browser memorizza password, dati di navigazione, preferiti, storico e preferenze in modo da seguire non il browser ma il proprio profilo. E’ quindi possibile accedere da una qualsiasi postazione con Chrome 16 installato e ritrovarsi tutte le impostazioni precedentemente effettuate.

chrome v16 accediachorme

Accedi a Chrome

Con la versione 19 (15 maggio 2012), il motore V8 supporta JavaScript Harmony (alias ECMAScript 6), mentre con la 20 (22 maggio 2012) arriva il supporto a WebRTC e un primo adattamento dell'interfaccia in ottica "touch-friendly".
Con la versione 27 (21 maggio 2013), viene ottimizzato il tempo di caricamento delle pagine, mentre arriva un nuovo App Launcher in stile Chrome OS. Ora, quando una pagina riproduce dei suoni, nella Favicon viene mostrata un'icona che ti permette di individuarla. Non da ultimo arriva il nuovo sistema di ricerca Google integrato.

chrome v27

Chrome 28 (9 luglio 2013) sposa il nuovo motore di rendering Blink, fork del precedente WebKit, mentre con la versione 30 (3 ottobre 201) vengono corretti oltre 50 bug e nella pagina di apertura è ora presente in nuovo link "Immagini" per la ricerca rapida di immagini tramite Google.
Con Chrome 32 (14 gennaio 2014), BigG introduce una specifica modalità in chiave Modern UI completamente rivista, con affiancamento di finestre e Chrome App. La stessa viene ulteriormente aggiornata con la versione 34 (10 aprile 2014).

chrome v32

Chrome 32 Moder UI mode

Sempre con la versione 34 arrivano numerose nuove API per lo sviluppo delle applicazioni, mentre con Chrome 35 (21 maggio 2014) AuraUI sostituisce GTK+ come interfaccia delle finestre. La versione 36 (17 luglio 2014) si concentra su stabilità e performance, oltre a portare l'App Launcher su Linux.

Come si può intuire i ritmi di aggiornamenti di Chrome sono assolutamente frenetici (una release ogni 2-3 mesi) e l’utilizzo di una nuova major release per ogni rilascio sta facendo lievitare notevolmente il numero di versione, come fatto, tra l’altro, anche da Firefox.

chrome logo evolution

Evoluzione del logo di Chrome